OPI Trieste - Homepage
  • News n° 947 del 30/07/2019

    PREMIO DI LAUREA PER UNA TESI SULLA RELAZIONE TERAPEUTICA PER I LAUREANDI IN INFERMIERISTICA

    TPS Assistenza Società Cooperativa Sociale, insieme ai signori Paolo Costanza e  Isabella Grion istituiscono per l'anno accademico 2018/2019 un premio di laurea per una tesi in Infermieristica per ricordare Francesca Costanza scomparsa prematuramente a causa di una patologia rara, la sindrome di Leigh. Nel percorso di vita con Francesca, i genitori hanno sperimentato più volte l’importanza della relazione in un contesto di “care”, e intendono attraverso questo premio valorizzarne l’aspetto infermieristico.

    Il premio, dell’importo di 500,00 euro, é riservato a una tesi di laurea in Infermieristica avente come argomento la relazione terapeutica.

    La domanda di partecipazione dovrà essere inviata entro il 10 dicembre 2019 al seguente indirizzo email: “direzione@tpsassistenza.it”.

    Bando premio di laurea

    Per maggiori informazioni: http://www.tpsassistenza.it/2019/07/

     

  • News n° 945 del 26/07/2019

    SERVIZIO DI SEGRETERIA dal 29/07/2019 al 08/09/2019

    Il Consiglio Direttivo dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Trieste comunica a tutti gli iscritti che  dal 29 luglio all’8 settembre 2019 il servizio di segreteria verrà garantito solo su appuntamento.

    Durante questo periodo le richieste dovranno essere inoltrate lasciando un messaggio nella segreteria telefonica al n. 040-370122, tramite fax al n. 040-371244 o inviando una mail all’indirizzo di posta elettronica segreteria@opitrieste.it avendo cura di indicare il Vostro nome e cognome, l’oggetto della richiesta e il numero di telefono al quale contattarVi.

    Si garantiranno comunque tutti i procedimenti amministrativi urgenti.

    Cogliamo l’occasione per augurare a tutti buone vacanze.

  • News n° 944 del 04/07/2019

    Cena estiva di solidarietà OPI Trieste 2019

    Gentili iscritti, anche quest'anno stiamo organizzando la Cena estiva di Solidarietà che si svolgerà venerdì 19 luglio 2019, presso il Ristorante Le Terrazze -  Strada Costiera 22, Trieste, http://www.terrazze.eu.

    A partire dalle ore 19.30 la serata prevede un aperitivo di accoglienza sulla terrazza panoramica  cui seguirà il buffet a base di pesce, il tutto sarà piacevolmente accompagnato dalle note della musica dal vivo.

    Durante la serata sarà consegnata la targa del premio "Valentina Sossi" per l'Infermiere dell'anno 2019.

    Il ricavato della serata sarà messo a bando per il concorso "OPI per Trieste" che verrà assegnato al miglior progetto rivolto ai bisogni della cittadinanza, proposto dalle varie associazioni che operano nel nostro territorio.

    Le prenotazioni saranno accettate in ordine di arrivo cronologico sino alla saturazione dei posti disponibili.

    Il costo di partecipazione alla serata è di 25,00 euro per gli iscritti ad OPI Trieste e di 55,00 euro per i non iscritti. La quota di partecipazione è comprensiva del contributo di solidarietà, pari a 10,00 €, destinato al concorso "OPI per Trieste".

    A partire da lunedì 8 luglio è possibile prenotare versando la quota indicata tramite bonifico bancario intestato ad OPI Trieste - IBAN IT94 J076 0102 2000 00011321346 e inviando la ricevuta dell'avvenuto versamento tramite e-mail al nostro indirizzo segreteria@opitrieste.it o tramite fax al numero 040 371244

    Il posto sarà riservato soltanto in seguito alla ricezione della ricevuta di versamento; non è possibile accettare prenotazioni telefoniche.

    Per coloro che hanno particolari bisogni nutrizionali (intolleranze, allergie o particolari regimi alimentari) è possibile ottenere un menu differenziato comunicandoci le esigenze entro il giorno 12 luglio.

    Vi aspettiamo per trascorrere assieme una piacevole serata.

    Il Consiglio Direttivo OPI Trieste

  • News n° 943 del 04/07/2019

    Offerta formativa FAD ECM 2019 di FNOPI

    Inoltriamo la comunicazione della Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Infermieristica con cui viene presentata l'offerta formativa FAD ECM per il 2019, con le indicazioni per l'accessibilità ai corsi.

    La segreteria

    Circolare FNOPI n.35/2019

  • News n° 942 del 20/06/2019

    Survey slow medicine

    Fare di più non significa fare meglio

    La FNOPI ha aderito a questo progetto di Solw medicine, nel progetto sono coinvolte le principali società scientifiche infermieristiche italiane: AIOSS, AIUC, AIURO, ANIMO, ANIPIO, ANIARTI, AICO.

    Il contributo delle società è stato prezioso e ha permesso di formulare la redazione di trenta raccomandazioni nella pratica clinica quotidiana che sono state tra l'altro inserite nel database nazionale Linee Guida in ottemperanza alla L.24/2017 (https://snlg.iss.it/?p=123). La loro diffusione è stata promossa attraverso incontri presso gli OPI provinciali, è importante darne ampia diffusione e raccomandarne l'adesione ad un ampio numero di colleghi.

    In queta fase di lavoro, il gruppo specifico della FNOPI ha ha costruito una semplice ma importante survey per indagare nel dettaglio la conoscenza e l'applicazione di sei pratiche.

    Invitiamo tutti gli iscritti a partecipare alla ricerca compilando il questionario al link in calce in modo da poter raccogliere il più ampio contributo per migliorare la qualità e la sicurezza delle attività assistenziali.

    https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeBfwdouNPocRu2imLx3bI75Pqms9fZE4PFWYWWCWC44fehZw/viewform?usp=sf_link

  • News n° 941 del 10/06/2019

    Premio Valentina Sossi

    PREMIO VALENTINA SOSSI - “Infermiere dell’anno” ed. 2019

    OPI Trieste, istituisce il premio "Infermiere dell'anno", dedicato alla collega Valentina Sossi, scomparsa prematuramente nell’agosto 2013.

    Si desidera premiare l'infermiere iscritto al nostro Ordine che ci verrà segnalato dalla cittadinanza per la sua competenza, umanità, capacità e professionalità nel “take care”.

    Le segnalazioni potranno pervenire all'Ordine a partire dalla pubblicazione del seguente bando ed entro e non oltre il 15 luglio 2019 utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal sito www.opitrieste.it  ed una commissione dedicata selezionerà il vincitore in base non solo al numero ma soprattutto alla qualità delle segnalazioni pervenute.

    La targa verrà consegnata al vincitore, dal Presidente di OPI Trieste, in occasione della Cena annuale di solidarietà che l’Ordine stesso organizza ogni anno nel periodo estivo per i propri iscritti e simpatizzanti. Nell'ambito della serata è previsto infatti un momento dedicato alla cerimonia di premiazione da parte del Presidente di OPI Trieste.

    Scheda per le segnalazioni Concorso Infermiere dell'anno ed. 2019

     

  • News n° 940 del 04/06/2019

    OPI Comics - Concorso rivolto agli studenti delle scuole medie superiori della provincia di Trieste

    OPI COMICS - La professione infermieristica in un fumetto  - Concorso per le Scuole Medie Superiori della provincia di Trieste.

    E se l’infermiere fosse un fumetto? La nuova iniziativa promossa da OPI Trieste si rivolge agli studenti: per esplorare e raccontare la professione dell’infermiere attraverso il loro sguardo, con le tecniche e il linguaggio espressivo delle tavole del fumetto.  Presiede la Giuria del Concorso il fumettista Lorenzo Pastrovicchio, nota firma delle pubblicazioni Walt Disney, Premio Topolino d’Oro per il migliore progetto Libri.

    DEADLINE PARTECIPAZIONE CONCORSO: 12 LUGLIO 2019

    E se l’infermiere fosse un fumetto, come ce lo potremmo immaginare? Simile a un supereroe dotato di poteri eccezionali per vegliare sulla nostra salute, capace di magie e giochi di prestigio per sconfiggere i nostri dolori, o “mimetizzato” fra i tanti personaggi cartoon, dai Peanuts a Mafalda, che commentano la realtà e le sfide del quotidiano?  Se lo è chiesto OPI Trieste, l’Ordine che raggruppa oltre 2000 infermieri e infermieri pediatrici della provincia, e che già due anni fa, insieme alla Casa del Cinema, aveva lanciato il Bando per la realizzazione di un cortometraggio sulla figura dell’infermiere. Questa volta il Concorso si svilupperà “formato cartoon”, per coinvolgere in modo specifico i giovani e giovanissimi in una prova d’autore creativa e stimolante: trasporre in fumetto la professionalità dell’infermiere.

    Da queste premesse nasce OPI COMICS  2019, il Bando rivolto alle Scuole Medie Superiori della provincia di Trieste che contribuirà a raccontare, con lo sguardo della generazione Z e attraverso il linguaggio espressivo dei fumetti, il lavoro e la missione dell’infermiere, una categoria professionale che ci accompagna dalla nascita agli istanti estremi, ci assiste nei periodi delle cure e del recupero, condivide momenti di intimità legati al nostro bene più prezioso: la salute.  Al fianco di OPI Trieste, per valutare gli elaborati dei giovani cartoonist, ci sarà un protagonista davvero speciale, Lorenzo Pastrovicchio, presidente della Giuria di OPI COMICS: noto disegnatore dei personaggi Walt Disney, è stato premio Topolino d’Oro per il miglior progetto libri ed è storico collaboratore non solo di Topolino, ma anche per Grandi Classici, Paperinik, Giovani Marmotte, Wizards of Mickey e molte altre testate del gruppo Disney.

    La partecipazione al Bando è gratuita: agli studenti di tutte le classi delle Scuole Medie Superiori OPI Trieste chiede di realizzare un fumetto dedicato alla professione infermieristica, che la rappresenti per le competenze professionali ed il ruolo sociale, ma anche sul piano del rapporto umano e nella sua attività scandita dal “take care” dell’assistito. Le tavole potranno raccontare il lavoro dell’infermiere nella sua quotidianità rivista in chiave attuale e al passo con l’evoluzione della professione. Non vi sono limiti rispetto al numero di vignette o di tavole, per le tecniche o le modalità di realizzazione (B/N, colori, etc). La deadline per l’invio degli elaborati è venerdì 12 luglio 2019, farà fede la data di spedizione postale oppure email utilizzando l’account segreteria@opitrieste.it. La mail dovrà contenere i dati anagrafici dell’autore e gli elaborati potranno anche essere frutto di un lavoro di gruppo.  Ogni autore, o gruppo, potrà partecipare inviando fino ad un massimo di 4 opere originali e inedite, di cui si possiedano i diritti. Il vincitore sarà annunciato pubblicamente entro il mese di luglio 2019 e riceverà una borsa di studio pari a un gettone di 500,00 €, da spendere per frequentare un corso/stage di formazione artistica, per sostenere con opportunità concrete la creatività e il talento dimostrato.

    «Ci auguriamo di essere invasi dalla creatività fumettistica dei giovani – dichiara il presidente di OPI Trieste, Flavio Paoletti:  Ne è prova, accanto all’evoluzione dell’ultimo decennio, il nuovissimo Codice deontologico degli infermieri (approvato nell’aprile 2019), vero e proprio vademecum di una professione chiamata ogni giorno ad affrontare e risolvere i problemi, a rapportarsi con i pazienti, i colleghi, le istituzioni, le altre professioni. Degli infermieri vogliamo restituire la visione più moderna e dinamica, fatta di assistenza costante alla cronicità dei casi, più che di “effetti speciali” nelle emergenze della vita. Una professione al fianco di chi necessita assistenza che, nel passaggio da Collegio a Ordine, si è evoluta in entità “sussidiaria” dello Stato con l’approfondimento di ruoli, responsabilità e rinnovata capacità di intervento».

  • News n° 939 del 29/04/2019

    OPI Trieste incontra il Vicegovernatore della Regione FVG

    Gentili colleghi,

    come anticipato siamo ad aggiornarvi riguardo l’incontro di oggi, 29 aprile 2019, con il Vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Nell’occasione il Consiglio Direttivo dell’OPI della provincia di Trieste ha potuto confrontarsi con l’Assessore Riccardi su alcune tematiche che incidono sulla garanzia di salute e sulla qualità dell’assistenza per i cittadini.

    Sulla scorta di quanto previsto dall’Accordo siglato lo scorso dicembre tra la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI) e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, ci si è confrontati sul peculiare contesto socio-sanitario triestino e sui possibili scenari riorganizzativi a tutela della salute e qualità assistenziale per la cittadinanza.

    Cinque sono state le tematiche discusse, con la conferma da parte dell’assessore Riccardi che le stesse saranno trattate in specifici tavoli permanenti che saranno istituiti dall’ARCS con la partecipazione degli Ordini provinciali delle Professioni Infermieristiche:

    • sviluppo di nuovi modelli organizzativo-assistenziali e delle competenze esperte e specialistiche alla luce del nuovo CCNL del personale del comparto Sanità e delle responsabilità definite dalla legge 24/2017;
    • sviluppo professionale e di carriera, formazione ed aggiornamento del personale infermieristico del SSR – formazione manageriale;
    • definizione di un coerente fabbisogno formativo di infermieri (laurea triennale) a garanzia dei mutati livelli di complessità assistenziale nelle cure a lungo decorso, del turn-over legato ad un’età media elevata ed alle riforme previdenziali in atto; infine, la tutela o l’implementazione di ambiti specialistici che richiedono competenze avanzate da sviluppare attraverso percorsi di studio post-base (ne citiamo solo alcuni ad alta valenza assistenziale: Infermieristica in area neonatologica e pediatrica; Infermieristica di comunità; Infermieristica in area critica; Infermieristica in salute mentale);
    • avvio di percorsi per lo sviluppo del corpo docente universitario afferente ai settori scientifico-disciplinari dei corsi di laurea delle professioni sanitarie;
    • standard del personale infermieristico del SSR con focus sulla realtà locale.

     

    Ci si è soffermati sul tema del sistema di riclassificazione delle case di riposo, dove le ripetute deroghe ai requisiti di funzionamento previsti dal nuovo regolamento, che prevedono il necessario inserimento di personale qualificato per il governo assistenziale, stanno determinando la mancata/parziale revisione dei piani e progetti assistenziali che esita spesso in non sempre adeguati livelli di cure erogate, determinando negativamente gli esiti in termini di salute; tali aspetti si ripercuotono a catena nell’utilizzo, spesso inappropriato, dei servizi di soccorso territoriale, al sovraffollamento dei Pronto Soccorsi e dei reparti di area medica. OPI Trieste ha proposto all’Assessore di valutare la possibilità, nelle more delle prossime ulteriori proroghe relative all’adesione ai nuovi requisiti di accreditamento, di prevedere almeno l’inserimento di personale infermieristico a garanzia della sostenibilità del sistema e dei migliori livelli di cura possibile; la proposta sarà valutata dai tecnici dell’assessorato.

    Infine, è stata posta l’attenzione al Piano Nazionale dei Tempi di attesa, sul quale, nonostante siano già superati i termini previsti dal decreto nazionale, la Regione FVG non ha ancora legiferato la loro declinazione e relativa applicazione.

    L’incontro, nonostante qualche attimo di acceso confronto relativo alle modalità che hanno portato, con notevole ritardo rispetto alle richieste fatte da OPI, all’appuntamento odierno, si è rivelato un buon momento di analisi congiunta delle principali criticità e delle possibili azioni da mettere in campo, volte a garantire la sostenibilità del Servizio Sanitario Regionale e la tutela del diritto alla salute dei nostri cittadini. Sarà nostra cura verificare la loro effettiva implementazione nei tempi e nelle modalità concordate.

    Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti per le centinaia di firme online e cartacee raccolte in soli tre giorni.

    Il Consiglio Direttivo dell'OPI di Trieste.

  • News n° 938 del 25/04/2019

    Lettera aperta al Presidente della Regione FVG

    Lettera aperta                                                   

     Al Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

    dott. Massimiliano Fedriga

     All’Assessore alla salute, politiche sociali e disabilità

    Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

    dott. Riccardo Riccardi

     

    E’ con estremo stupore e rammarico che veniamo a conoscenza, tramite i social media e gli organi di informazione, che l’Assessore alla salute, politiche sociali e disabilità Riccardo Riccardi in data 24 aprile u.s. ha incontrato gli Ordini delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Pordenone, Udine e Gorizia, escludendo l’OPI di Trieste.

    Il tweet postato dall’Assessore Riccardi “Poco fa ho incontro i presidenti degli Ordini degli infermieri del FVG” riporta frasi non veritiere e confondenti per il lettori  in quanto non tutti gli OPI del FVG sono stati ascoltati, infatti, è stata preclusa la possibilità ai rappresentati dell’Ente Pubblico OPI Trieste, Ente che conta 2.200 Infermieri iscritti, di poter presenziare ed iniziare un rapporto sereno e costruttivo con l'Assessorato regionale in tema di programmazione sanitaria e professionale a tutela degli iscritti, ma soprattutto a garanzia della salute di tutti i nostri cittadini che hanno il diritto di essere assistiti da personale qualificato e in numero adeguato per far fronte alla crescente richiesta di salute in ogni contesto (domiciliare, territoriale ed ospedaliero).

    I professionisti Infermieri della provincia di Trieste chiedono quali siano le motivazioni che hanno portato un rappresentante del Governo regionale ad una simile decisione, nonostante le formali richieste dall’OPI Trieste alle quali non si è mai avuto alcun riscontro non garantendo, di fatto,  a tutti i cittadini e professionisti di questa regione le pari opportunità e i pari diritti.

    Di un tanto sarà coinvolta la terza Commissione permanente regionale che ha funzioni di tutela della salute, servizi sociali, alimentazione, previdenza complementare e integrativa.

    In attesa di un doveroso e sollecito riscontro, distinti saluti.

    Il Consiglio Direttivo OPI Trieste e la comunità infermieristica di Trieste.

     

    Aiutaci a dare forza alla voce degli infermieri iscritti all'OPI di Trieste firmando la petizione:

    https://firmiamo.it/ordine-infermieri-trieste--tutela-della-sanita-triestina